casco caberg duke ii

casco caberg duke II

Non è certo un mai più senza , anche se verrà schedato in questa categoria per motivi pratici. 

Il casco che abbiamo comprato ormai un mese fa e quindi ampiamente testato, è il Caberg Duke II. Non è stata una scelta facile, considerando il vastissimo mercato, le aziende produttrici esistenti (che si sono moltiplicate negli ultimi tempi) e i tantissimi modelli che vengono proposti. 

I filtri

Primo filtro che abbiamo applicato: il tipo di casco a noi più congeniale in base alle nostre necessità, ovvero, il casco modulare. Secondo filtro: deve includere la tendina parasole. Terzo filtro: non possiamo spendere più di duecento euro a casco.

I test

Una volta fissato il prezzo, la cerchia si restringe molto: abbiamo testato l’HJC RPHA90, bellissimo, comodissimo. Troppo caro per due; provato lo SHARK EVO-ONE 2, con la nuova apertura a 180 gradi. Comodissimo ma, ahimè, costoso; anche l’LS2, anch’esso con l’apertura frontale a 180 gradi, molto comodo (forse più degli altri), ma ancora sopra il nostro budget (sebbene tra i più economici). 

L’acquisto

Per caso, guardando delle foto di motociclisti in giro per il mondo, mi è cascato l’occhio sulla marca del casco, Caberg  appunto, che non avevo mai sentito.  Sfogliando riviste specializzate su viaggi, mi è capitato ancora di vedere la scritta Caberg sul casco. Quindi una prova è stata assolutamente necessaria. Ci siamo infilati nel nuovo negozio MotoAbbigliamento di Pisa, ce lo siamo provati. Tra i diversi modelli provati dell’azienda bergamasca, il Duke II , è quello che più incontrava le nostre esigenze, non solo di budget.casco caberg duke ii

Impressioni

Caberg Duke II è un buon casco, in policarbonato. Ci ha colpito subito il confort, già alle prove in negozio. Anche durante la guida è ottimo, rumorosità e turbolenza scarse  fino a circa 140-150km/h, perfetta visibilità e peso contenuto in circa 1,5kg. Molto comodo anche in modalità Jet, dove è possibile fissarlo tramite clip, per evitare che la visiera scenda improvvisamente. Abbiamo trovato gli occhialini parasole un po troppo corti, l’aria tende ad asciugare gli occhi (per me, a volte un po fastidioso visto che porto sempre lenti a contatto mentre guido). In alcune situazioni, sono un po impacciato ad aprire la visiera durante la marcia (ma è un mio problema). Superare i 110km/h con visiera aperta può essere difficoltoso per effetto del vento. Chiusura micrometrica del cinturino.

Infine

Siamo soddisfatti dell’acquisto del Caberg Duke II, i 180 euro sono stati ben spesi. Un casco per i novelli del touring e per i più esperti che aspirano ad un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *