nella campagna di monterotondo marittimo durante una pausa

Valigia in motocicletta

Finalmente domani partiamo, è da Natale che progettiamo questo viaggio in Corsica ed è arrivato il momento.

Sarà un viaggio on the road, dice David, sei giorni di strade, curve panorami e spiagge bellissime.

Per il mio bagaglio ho a disposizione una valigia laterale e la borsa posteriore da moto di 60 litri e mi posso sbizzarrire; dice lui.

Io sarei anche pronta per partire, questa volta ho giocato di anticipo: manicure e pedicure fatte, depilazione ad oc, mi sono anche organizzata per tenere a bada i capelli sotto, dentro e con il casco. Ma, c’è un ma, cosa mi metto?

Valigia di David

David ha già la sua valigia pronta: un costume, un paio di scarpe, 2 paia di pantaloni, 5 t-shirt, intimo per 5 giorni, il suo bauty con necessario per lenti a contatto, occhiali, deodorante, creme e pomate per barba e capelli. 

E la mia valigia?

Io invece sono qui che mi attorciglio le meningi per capire quali outfit creare per non perdere la mia femminilità in motocicletta.

Adoro viaggiare in motocicletta, per lei ho rinunciato alle mie adorate scarpe tacco ’12, ma non voglio rinunciare ad essere femminile, i miei geni Y sono così forti da farmi sopportare dolorose cerette inguinali e ascellari, figuriamoci se rinuncio alla mia femminilità.

Buoni propositi

E’ sempre così. Cinque giorni fa avevo le idee chiare su cosa portare, mi ero fatta dei buoni propositi che poi, si sa, non vengono mai rispettati, almeno per me!

Oggi apro l’armadio e tutto ciò che vedo potrebbe farmi comodo; vuoi che non capiti un aperitivo al tramonto al Porto di Bonifacio? E se non ho con me la mia bellissima camicetta verde smeraldo che risalta tanto il mio carnato, come faccio? Vuoi che non trascorriamo una giornata sulla spiaggia della Rondinara? Bellissima con la sua sabbia fine e mare cristallino, mi serve il mio costume, anche i sandali Capri e una abito da mettere per il pranzo sul mare.

alla base della rocca di campiglia marittima

E poi ci sono le escursioni alla Foresta dell’Ospedale con la sua vegetazione, i torrenti dove fare il bagno. Lì servono le scarpe da trekking e i pantaloncini e la felpa, il costume intero e le scarpette da scoglio.

Senza parlare del necessario per il beauty-case, trucchi base indispensabili, crema da giorno e da notte, lozione per dare volume ai capelli, shampoo per l’anti giallo che si sa, il mare sciupa i capelli argentati, il phon perchè non fa più così caldo, ma quello da solo non basta. Servirebbe anche la piastra per domarli, la crema per mani e corpo. D’altra parte  in moto secca tantissimo la pelle, la protezione solare per non scottarsi e poi soffrire.

Alla fine in valigia cosa metto?

Ho deciso che metto tutto ciò di cui ho bisogno tanto abbiamo sempre la possibilità di aggiungere la borsa rullo da 30 litri, in qualche modo lo convinco d’altronde i teli mare e l’attrezzatura fotografica occupano più spazio dei miei 3 costumi, 2 abiti, 3 paia di scarpe, 3 pantaloni, 4 camicette, 2 foulard, il cappello per il mare, la giacca per la sera e tutto il necessario per il trucco e parrucco. Questa volta lo convinco ne sono certa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *