Uno scorcio di Liguria attraverso l’Aurelia

Ho sempre odiato la Strada Statale 1 o se vi piace di più Aurelia, ha sempre coinciso con traffico, mille semafori incroci o rotonde. Fino ad oggi. La SS1 che abbiamo percorso e che ci ha mostrato uno splendido scorcio di Liguria è spettacolare.

Partiamo

In questi giorni di ottobre montare in sella è veramente un piacere, il sole non oppressivo e l’aria fresca formano un connubio perfetto per una temperatura assolutamente gradevole.

Poche cose con noi sapendo di non poter dormire fuori ma godendo in pieno relax dei chilometri che andremo a macinare. Destinazione Liguria e più precisamente Sestri Levante, guardando la cartina sono rimasto colpito semplicemente dal nome della Spiaggia del Silenzio, incastonata in questa piccola estroflessione di mare azzurro.

Ruota anteriore posizionata su l’autostrada Livorno-Genova e via di gas. La nostra uscita dopo circa un’ora e mezzo e 130km è Devia Marina. Dopo il casello svoltiamo a sinistra seguendo le indicazioni per Genova. Facciamo una fermata al Bar Ristorante Il Tagliamento, dove un caffè e una fetta di torta spettacolare sono rigeneranti.

Usciamo da l’Aurelia per Moneglia

strada aurelia con scorcio di moneglia

Dopo due chiacchiere torniamo in sella in direzione Genova per raggiungere Sestri Levante. L’Aurelia si presenta con qualche curva mozzafiato ma interrompo l’idillio e viro improvvisamente a sinistra verso Moneglia, sei chilometri che terminano su di una striscia di spiaggia incorniciata da un vivace paese.

Occorre un’attesa di circa venti minuti per proseguire, siamo davanti ad un semaforo che regola la circolazione a senso unico alternato. In pratica per arrivare a Sestri Levante occorre continuare per una strada molto stretta che procede all’interno di particolari gallerie. Qualche foto completate da storie su IG rendono l’attesa più leggera.

Le gallerie di Moneglia

Appena scatta il verde la nostra partenza non è certo da MotoGP, ci vogliamo godere tutto il percorso, ovvero otto chilometri a picco sul mare quasi interamente all’interno di gallerie grezze intervallate da alcune uscite per accedere a due campeggi e una pizzeria.

A dir poco spettacolare, mi ricordano in piccolo, le gallerie per arrivare al Passo del Vestito. Questa volta però il fascino non è dato dall’Appennino Tosco-Emiliano bensì da un mare veramente suggestivo.

Sestri Levante

la spiaggia del silenzio a sestri levante

Nonostante la stagione volga al termine, questo giorno feriale di ottobre regala uno splendido sole che non impedisce ai numerosi bagnanti che occupano la Spiaggia del Silenzio di immergersi per uno bagno rilassante.

Noi non ci uniamo ai nuotatori ma ci godiamo l’ottima temperatura spizzicando della pizza tra gli scogli della Baia e facendo due passi nel bel lungo mare e tra le viuzze del vivace paese che merita sicuramente una sosta.

Consumiamo una birra artigianale in uno dei numerosi bistrot presenti e torniamo verso la costa labronica.

L’Aurelia che non mi aspettavo

Al ritorno cambiamo strada percorrendo solo ed esclusivamente l’Aurelia. Un ottima scelta, appena usciti dal traffico la strada statale 1 inizia una progressiva salita fino a dominare il paesaggio sottostante. Non altezze elevate ma che permettono di scorgere un panorama mozzafiato.

Non posso distrarmi però, l’Aurelia mostra tutta la sua spettacolarità: la tedescona va giù che è una bellezza, le curve disegnate perfettamente sono arricchite da un asfalto meraviglioso degno del miglior tavolo da biliardo e si srotolano all’interno di una rigogliosa vegetazione. Il profumo di bosco e funghi è intenso, inspiro profondamente per non farmi mancare niente da questo momento di trans motociclistica.

Il Passo del Bracco a 615 metri s\m, segna il cambio improvviso dell’asfalto che peggiora con numerosi dislivelli ma non cambia il divertimento nel cavalcare l’Aurelia fino in fondo, fino a La Spezia.

Caro biker se ci vuoi suggerire altre strade degne di nota, indicacele commentando questo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *