Ai tempi della superpippo

Considerando che sono passsati 21 anni e che l’esperienza batte la vecchiaia, viaggiare in motocicletta nel 1997 era tutta un’altra cosa. La nostra prima motocicletta una Yamaha xt600, quando partiva, ci ha fatto vivere dei bei momenti, ma anche la Honda Transalp 600  ha fatto la sua parte. Nel 1997 si partiva con un giacchetto di jeans ed un piumino senza maniche, un asciugamano che serviva da tovaglia e telo mare; si dormiva su materassini da 0,5 centrimeti su un masso che faceva da cuscino; la superpippo comprata al mercatino americano di Livorno per ripararsi dal freddo e sacchetti della spazzatura per ripararsi dalla pioggia.

Il nostro navigatore era una cartina gigantesca da ripiegare e consumare per poi rattopparla con scotch. Per uscire da Parigi direzione Mont Saint Michel ci abbiamo messo 3 ore, la cartina non era abbastanza dettagliata per non farci perdere nella metropoli. Il top case era composto da un aggroviglio di cose raccolte in una sacca della All Stars legata con elastici dietro la moto, insomma

non importava da dove venissi o dove andassi, eri comunque un viaggiatore.

Eravamo equipaggiati anche con guanti di lana delle pecore dell’Himalaya: se proteggevano i pastori dell’Himalaya potevano proteggere anche noi. Ho anche usato un giornale per metterlo fra giacchetto e felpa come isolante del freddo: d’altra parte  lo facevano  anche Coppi e Bartali, lo dice sempre anche il mio babbo.

Una sera rientrando da una cena io e David abbiamo rischiato l’ibernamento delle mani; arrivati a casa non riuscivamo più a muovere le dita, c’è voluto più di un’ora per riacquistare la sensibilità alle falangi, e mi raccomando: mai mettere le mani in acqua bollente quando sono congelate, si rischiano gravi ustioni e dolore tanto dolore.

Il mio paraschiena era uno zaino colmo di tutti gli oggetti personali che non entravano nelle borse; i primi caschi ci erano stati regalati da un amico che non li usava più e quello di David era troppo largo ed il mio troppo stretto. Non programmavamo mai i viaggi in moto, cioè  decidevamo la destinazione, ma non ci davamo mai un limite, finchè ne avevamo voglia stavamo in moto, e poi allo stremo delle forze cercavamo dove dormire e mangiare. Spesso non trovavamo da dormire allora ci arrangiavamo con campeggi selvaggi e grandi discussioni: cercare un posto dove dormire in piena notte o montare una tenda al buio era veramente snervante.

A Pola siamo riusciti a trovare ospitalità in un b&b, la signora che ci ha ospitato ci ha concesso di dormire una notte perchè in quel periodo era tutto esaurito, praticamente siamo arrivati alle undici di sera e la mattina alle otto siamo dovuti ripartire per cercare una nuova sistemazione.

 

 

 

Avevamo una macchina fotografica compatta e una marea di rullini da 36, non ci siamo mai risparmiati nel fare le fotografie, ma poi…che spesa svilupparle tutte ed accorgersi che solo il 10% era venuta decente!

Le nostre calzature erano le meno adatte ai viaggi in moto, io quasi sempre con scarpe da ginnastica o stivaletti improbabili e David le solite scarpe che usava per correre, in valigia poi solo ricambi leggeri e sgualciti.

Oggi viaggiamo più sicuri, attrezzati e non ci perdiamo (quasi) mai, siamo sempre in contatto con tutti e tutto, rimane la voglia di improvvisare, e di stupirsi ad ogni panorama.

E voi come viaggiavate prima del 2000? Eravate più organizzati?

8 pensieri su “Ai tempi della superpippo

  1. Nel 1994 ho comprato un 2 cavalli charleston grigia e nera. Con lei e una mia carissima amica ho girato l’Europa in lungo e in largo. Non era una moto, ma quasi… Organizzazione? Forse ho iniziato quando è nata mia figlia a darmi qualche regola.

    Liked by 1 persona

  2. Sembra passata una vita. Ora va tutto più veloce ci sembra sempre di perdere tempo ma forse qualche anno fà assaporavamo un viaggio in treno o in auto e ci sentivamo già in vacanze senza ansia e stress.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...